Si possono avere due contratti part time a tempo indeterminato

Si possono avere due contratti part time a tempo indeterminato

Esempi di part-time

Il lavoro a tempo parziale è la forma di occupazione non standard più diffusa tra le donne. Sebbene le donne rappresentino meno del 40% dell’occupazione totale, costituiscono il 57% di tutti i lavoratori part-time. Le differenze di genere nel lavoro part-time sono particolarmente elevate nei Paesi Bassi, nei Paesi del Nord Europa, in India, Giappone, Niger e Svizzera. Il lavoro part-time marginale mostra grandi differenze di genere nella maggior parte dei Paesi. I leader nel lavoro part-time marginale tra le donne sono Germania, Brasile e India.

Il lavoro a tempo parziale può aiutare i lavoratori, soprattutto quelli con figli o altre responsabilità familiari, a entrare o rimanere nel mercato del lavoro. Può anche rappresentare un’opportunità per i lavoratori che desiderano seguire contemporaneamente un corso di istruzione o di formazione professionale. Tuttavia, il fatto che sia veramente vantaggioso dipenderà dal fatto che questa forma di occupazione sia una scelta volontaria, dalla qualità del lavoro a tempo parziale, compresa la parità di trattamento con i lavoratori a tempo pieno, da come viene percepito dalla società, dall’esistenza di lavoratori ben qualificati e ben retribuiti disponibili per il lavoro a tempo parziale e dalla possibilità di passare dal tempo parziale al tempo pieno.

I contratti a tempo indeterminato possono in alcuni casi essere ammessi agli incentivi all’assunzione, in presenza dei requisiti stabiliti di volta in volta dalla normativa vigente, a seconda delle caratteristiche dell’azienda, del lavoratore e, ove applicabile, della giornata lavorativa.

Se il contratto non viene formalizzato per iscritto quando richiesto, si presume che sia stato stipulato a tempo indeterminato e a tempo pieno, a meno che non venga fornita la prova contraria della sua natura temporanea o della natura a tempo parziale dei servizi, come stabilito dall’articolo 8.2 dello Statuto dei lavoratori. In ogni caso, ciascuna delle parti può richiedere la formalizzazione del contratto per iscritto anche nel corso del rapporto di lavoro.

In caso di assunzione discontinua a tempo indeterminato, il contratto deve essere necessariamente formalizzato per iscritto sul modello da stabilire, e deve contenere l’indicazione della durata prevista dell’attività, nonché la forma e l’ordine di chiamata stabiliti dal contratto collettivo applicabile, indicando anche, a titolo indicativo, la giornata lavorativa prevista e la sua distribuzione oraria.

Il lavoratore e il datore di lavoro possono concordare di svolgere ore aggiuntive rispetto all’orario ordinario stabilito nel contratto part-time. Solo in presenza di tale accordo il datore di lavoro può esigere che vengano svolte ore aggiuntive.

È la situazione che dà luogo alla stipula di un contratto di lavoro a tempo parziale con il lavoratore che concorda con il proprio datore di lavoro una riduzione dell’orario di lavoro e della retribuzione compresa tra un minimo del 25% e un massimo del 50%, o del 75% nei casi in cui il lavoratore sia assunto a tempo pieno mediante un contratto a tempo indeterminato.

È il contratto di lavoro stipulato tra il datore di lavoro e il capo di un gruppo di lavoratori considerato nel suo complesso, senza che il datore di lavoro abbia i diritti e i doveri nei confronti di ciascuno dei membri del gruppo che gli spettano in quanto tale.

Questi contratti sono disciplinati dalle disposizioni della normativa specifica per gli appalti di lavori o servizi specifici (vedi: “clausola specifica per lavori o servizi specifici”), senza che si applichi la durata massima dell’appalto di lavori o servizi, né le disposizioni sulla concatenazione di questo tipo di contratti di cui all’art. 15.5 dello Statuto dei Lavoratori.